Rassegna estate 2009: gialli storici

coverimage.php

Come è ormai consuetudine all’inizio dell’estate, la biblioteca propone ai suoi affezionati lettori una rassegna per le loro letture sotto l’ombrellone (o in piscina o su un prato o in qualsivoglia luogo ameno e più o meno vacanziero). Quest’anno abbiamo pensato di scegliere un genere di libri piuttosto adrenalinico e molto apprezzato, specie negli ultimi 4-5 anni: il giallo storico, nelle sue diverse sfaccettature.

Riporto, giusto per adeguarmi ai tempi, l’incipit della voce Giallo storico dell’enciclopedia in rete Wikipedia:

“Il giallo storico più che un sotto-genere del giallo o poliziesco, può essere considerato una particolare variante all’interno del genere – generalmente di tipo classico-deduttivo – variante che si caratterizza per un’ambientazione temporale storica anziché contemporanea.
Il giallo storico abbraccia un arco temporale estremamente vasto, per cui si spazia dal giallo medievale a quello ambientato nella Roma classica, nell’antico Egitto o nella Grecia antica, dal giallo rinascimentale a quello di età moderna. Spesso il detective di turno è un personaggio realmente vissuto, come Aristotele o Dante Alighieri o Claudio Galeno.”

Seguono alcune indicazioni di massima circa gli autori italiani o di altri paesi più noti per aver sperimentato questa particolare forma narrativa: si va da Umberto Eco a Carlo Lucarelli, da Margaret Doody a Robert Harris, da Ellis Peters a Candace Robb, ad altri forse meno noti.

In verità, colui che inaugurò il genere in pompa magna, per lo meno in Italia, fu senz’altro Umberto Eco, con il suo capolavoro Il nome della rosa, pubblicato in anni non sospetti, nel 1980, quando ancora il genere poliziesco doveva essere “sdoganato” dai critici colti e dagli ambienti letterari altolocati. Ben 25 anni prima della comparsa (in Italia) del libro-culto del thriller storico, Il codice da Vinci di Dan Brown, con tutto quel che ne è seguito.

A rigore Il codice da Vinci non è un giallo storico, visto che l’ambientazione è contemporanea – ma il romanzo contiene tutti quegli ingredienti che lo collocano di diritto in quell’area narrativa: omicidi, misteri, segreti, codici da decifrare, sette segrete e – su tutto – il peso ingombrante delle vicende storiche. Ma l’elemento in più e vincente del best seller di Dan Brown è senz’altro quello religioso-misterico, l’aspetto del sacro che incombe su tutta la storia.

Si è così assistito, negli ultimi 4-5 anni, ad un proliferare di questo tipo di romanzi (con simboli religiosi, templi, abati, bibbie, monaci, sette, profezie e quant’altro). Gli autori e gli editori si sono poi sbizzarriti e sono andati alla ricerca di ogni genere di misteri e di personaggi in lungo e in largo nei secoli e nei luoghi della nostra storia (ma anche in quella d’Oriente o di altre culture).

Ovviamente, l’offerta massiccia di un determinato genere di narrativa risponde sempre a gusti e bisogni specifici dei lettori: al di là di facili mode, ci possono essere i motivi più svariati dietro questo consistente fenomeno letterario: evasione dal presente? appeal del mistero (che laddove sepolto dal tempo aumenta)? ritorno del bisogno di sacro? ricerca di un’estetica alternativa più raffinata? fascino intramontabile del medioevo e dell’epoca classica? ricerca delle radici culturali? che altro?

Non vado oltre con le supposizioni psicologiche o filosofiche, e mi limito ad augurare ai nostri lettori e alle nostre lettrici una buona estate farcita di piacevoli letture. Al mare, in piscina, tra i boschi o sul balcone di casa, poco importa – ma, nell’ultimo caso, quale miglior viatico per un viaggio mentale che ci proietti lontano dalla routine e dall’angustia del quotidiano?

Potete trovare i libri della rassegna con la relativa scheda bibliografica in biblioteca, fin verso la metà di luglio. L’elenco dei 90 libri selezionati è consultabile presso il catalogo on-line, selezionando la pagina della biblioteca di Rescaldina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: