Un sorprendente esperimento con le classi quinte

Qualche mattina fa un gruppo di una ventina di ragazzi delle tre quinte della scuola Dante Alighieri è venuta in visita in Biblioteca. Non si è trattato in verità di una visita qualsiasi, ma della costituzione di un vero e proprio gruppo di lavoro. L’obiettivo era quello di presentare dei libri ai loro compagni più piccoli delle prime, nel corso della prossima festa del libro, che si terrà ad aprile.
Una delle caratteristiche della festa è infatti quella di promuovere la lettura, facendo conoscere e presentando i libri più interessanti della produzione editoriale per ragazzi: non solo da parte degli autori (che pure verranno invitati), dei bibliotecari o degli insegnanti – ma anche da parte degli stessi ragazzi, che diventano così protagonisti e non semplici spettatori.
Partendo da una preselezione di una decina di libri fatta dal sottoscritto, ci siamo quindi messi al lavoro.
Avevamo preventivato, con le loro insegnanti, di impiegarci non più di un’ora, e invece ci siamo visti costretti a ridarci appuntamento nel pomeriggio, dopo pranzo, per continuare fino oltre le 4! Praticamente un seminario durato circa 3 ore. Ogni libro è stato analizzato, valutato, discusso, sia nel testo che nella parte grafica ed illustrativa. Su un paio di libri (uno dei quali è quello mostrato sopra), sono stati espressi dei dubbi: sono adatti o meno per quella fascia di età? piaceranno o non risulteranno piuttosto noiosi, o magari difficili? Tutti i pro e i contro sono stati soppesati con grande competenza: ad un certo punto sembrava proprio di essere all’interno di un comitato di redazione di un qualche editore (ma non uno qualunque: un editore scrupoloso, che sa far bene il suo mestiere!).
Tutti hanno ampiamente compreso i due aspetti fondamentali della discussione: 1) un libro è un oggetto con molte facce, per nulla semplice, e tantomeno quando si tratta di un libro per bambini; 2) nella scelta, ci si deve immedesimare nel potenziale fruitore, se ne devono conoscere i gusti e gli interessi.
Nella fattispecie: quel che viene richiesto a loro di 10-11 anni è di provare a calarsi nella testa di un bambino di 6-7 (o di tornare indietro ai propri 6-7 anni) e immaginare quali emozioni o sensazioni determinate parole o illustrazioni gli potrebbero suscitare.
Sfido qualunque adulto a fare questo lavoro con la stessa competenza ed entusiasmo dimostrati da questi ragazzi.
Naturalmente il progetto è solo all’inizio: ora i libri selezionati verranno letti e analizzati direttamente dai ragazzi, che proveranno quindi a costruire e simulare delle presentazioni possibili. Prima della festa del libro, ci incontreremo quindi ancora una volta per valutare insieme il lavoro svolto e metterlo a punto.
Dopo di che la scena sarà soltanto loro!

Annunci

5 Responses to Un sorprendente esperimento con le classi quinte

  1. Claudia Giussani ha detto:

    Complimenti Mario ho girato questa esperienza anche ai colleghi del sistema di Gallarate, mi sembra molto interessante !

  2. paesevivo ha detto:

    mario … che dire
    mario il bibliotecario
    ciao
    Emanuele

  3. Gianfranco Verzeri ha detto:

    Mario,ottimo lavoro, ma……DARE A CESARE CIO’ CHE E’ DI CESARE!!!. Reputo doveroso sottolineare che tale iniziativa e’ nata lo scorso anno a Rescalda con un gruppo di lavoro di 3e medie coordinati dalla prof. Picco che hanno presentato appunto, circa 10 Titoli preselezionati, in Auditorium a tutti i loro compagni di 3a.
    L’iniziativa ha appunto riscosso successo da essere replicata ed ampliata quest’anno. Infatti quest’anno ci sara’(come ben sai) un programma molto articolato di tali “presentazioni” con un piu’ vasto ed eterogeneo gruppo di lavoro, che comprende ragazzi di 3a media, di 1a media e di 5 elem che effettueranno le “carrellate” ai loro coetanei ed agli inferiori di eta’, c oinvolgendo sino le materne!!!!
    Continuando ad illustrare le INIZIATIVE, NON scordiamoci il progetto BOOK CROSSING della 5A di Rescalda, che con il coordinamento delle insegnanti Juna, Fulvia, Valeria, e (FINALMENTE!!!) l’installazione delle Banda Larga, ha visto la creazione del book (gia’ depositato in 2/3 siti) e l’adesione AL CIRCUITO INTERNAZIONALE che sta’ riscontrando ESTREMO interesse con richieste di adesione al book dall’estero (persino dalla Cina)!!!
    Tanto dovevo per verità di cronaca e, (pur essendo di Legnano) con una piccola punta di rivendicazione campanilistica !
    CIAO A TUTTI

    • md ha detto:

      @Gianfranco
      tutto vero quel che dici, ma ho dovuto sottolineare questo particolare progetto perché si è trasformato rispetto a quanto avevamo messo in cantiere: non si è cioè trattato solo di una presentazione da parte mia dei libri da presentare, ma di un vero e proprio gruppo di studio finalizzato all’analisi collettiva e alla discussione dei libri selezionati.
      Ciò non toglie che dovremo dar conto di tutti i progetti avviati con la festa (spero anzi che altre voci si aggiungeranno alla mia da qui alla metà di aprile).
      Per quanto concerne il bookcrossing ne avevo accennato qui:
      https://bibliotecarescaldina.wordpress.com/2011/02/10/bookcrossing-zone/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: