Libri unicorni e libri usignoli

“C’è il libro topo, che si intrufola nei tuoi pensieri. C’è il libro polpo, che ti si attacca addosso come se avesse le ventose. C’è il libro pavone, tutto da guardare, pensando parole o non pensando affatto. C’è il libro cane, letto riletto e consumato, che ti segue dappertutto. C’è il libro usignolo, da non leggere mai: solo da ascoltare. A occhi spalancati. C’è il libro gatto, da sfogliare con pigrizia, e c’è il libro pesce che ti ruba anche il respiro. C’è il libro unicorno, con cui inventare mondi nuovi. C’è il libro asino, che ti accompagna con pazienza una pagina dopo l’altra. C’è il libro libellula da tenere accanto al letto, per fare il pieno di sogni prima di chiudere gli occhi…”

(da: C. Carminati, G. Orecchia, Venti parole di avventura, Rizzoli)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: